Perché mi definisco un formulatore 2.0?

I miei valori stanno a fondamento delle mie formulazioni

Ogni volta che mi trovo a formulare nuovi prodotti penso alla loro utilità ed efficacia prima che alla loro vendita. Per questo scopo cerco principi attivi innovativi e costosi, e li formulo in concentrazione efficace d’uso per assicurare il massimo beneficio ai miei clienti. Questo modus operandi non mi pone limitazioni nel lavoro, non ho un budget a disposizione da rispettare, non rispondo in nessun modo alle esigenze del marketing, ma sono libera di lavorare senza alcun condizionamento.

Le mie formulazioni non sono preconfezionate

In cosmetica ci sono formule indicative per la composizione di ogni tipologia di prodotto. Per quanto buone possano essere, ritengo sia piuttosto limitante fermarsi a queste quando, giorno dopo giorno, la scoperta di nuovi principi attivi può portare noi tecnici specializzati alla ricerca di formulazioni più utili e interessanti. Per questo motivo, quando mi trovo a formulare un nuovo prodotto non mi baso sui vecchi canoni preconfezionati, ma cerco l’innovazione quando questa, però, è al servizio dell’efficacia.

Formulare in sicurezza

Da anni, accanto alla mia attività di produttore e formulatore, sono valutatrice della sicurezza per conto di importanti multinazionali che operano nel settore cosmetico. Questo ruolo, oltre a darmi un’ampia conoscenza sulle sostanze impiegate nel settore, mi vede impegnata in prima linea nella scelta di ingredienti sicuri e sebosimili (sostanze già contenute nel sebo della nostra pelle, conosciute dal nostro corpo in modo da non scatenare reazioni avverse).